City ZEN | Agopuntura
428
page-template-default,page,page-id-428,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_menu_slide_with_content,width_270,qode-theme-ver-14.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Agopuntura

L’agopuntura è una tecnica terapeutica millenaria che affonda le sue radici teoriche nel pensiero medico-filosofico dell’antica cultura cinese.

L’assunto di base è che la vita sia la manifestazione di un flusso armonioso e costante di Qi, il “fluido vitale”. La malattia è considerata un “blocco” di questa corrente in continuo movimento e come tale va corretta applicando in punti specifici del corpo (detti agopunti) sottili aghi bimetallici, che hanno il compito di riattivare la circolazione del Qi.

Benefici

L’agopuntura ha l’obiettivo di far circolare il fluido vitale bloccato quindi a ridare salute al paziente. A partire dal 1979, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha definito l’agopuntura una pratica indicata per risolvere:
– mal di testa, cefalee, nevralgia del trigemino, vertigini
– ansia, depressione, crisi di panico, insonnia
– artriti, cervicalgie, una vasta serie di dolori al sistema osteoarticolare
(dolori al ginocchio, spalle, tendini)
– problematiche gastroentereologiche (coliti, gastriti, stipsi)
– problematiche ginecologiche: allevia il dolore mestruale, anche quello profondo e insensibile ai comuni antidolorifici, è utile per dismenorrea, ovaio policistico, amenorrea.

La seduta di Agopuntura dura complessivamente 1ora e prevede l’indagine dei sintomi e una diagnosi per poi applicare gli aghi per un minimo di 20 minuti. Il paziente è disteso sul lettino con applicazione di aghi sulle parti del corpo che lo necessitano. Gli aghi sono sottilissimi, in acciaio con manico in rame, pressoché indolori.

In genere si richiede un minimo di 3 sedute per poi valutare se servono ulteriori applicazioni. L’Agopuntura è considerata la terapia antidolorifica alternativa per eccellenza e adatta a tutti, anche alle donne in stato di gravidanza, limitando così il ricorso ad antidolorifici e antinfiammatori, e ai bambini, a partire dai 6/7 anni.