City ZEN | MASSIMO SACCHI
1770
page-template-default,page,page-id-1770,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_menu_slide_with_content,width_270,qode-theme-ver-14.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

MASSIMO SACCHI

OPERATORE IN BIODINAMICA CRANIOSACRALE

PERCHÉ BIODINAMICA CRANIOSACRALE?

Biodinamica Craniosacrale è diventata la mia via di crescita personale e anche il mio lavoro. Coltivo il contatto e il dialogo con le forze della creazione, le stesse che esistono in un embrione come nel corpo di un morente, sono energie che orientate verso salute possono creare grandi cambiamenti. Questo è ciò che pratico e insegno quotidianamente; a me stesso, ai miei clienti e ai miei allievi.

QUAL È STATO IL TUO PERCORSO PROFESSIONALE?

Quasi 30 anni fa ho cominciato a studiare e a mettere in pratica i sistemi filosofici della nostra tradizione occidentale, dagli esercizi spirituali della Grecia Classica alle ricerche antroposofiche di Rudolf Steiner. Poi ho incontrato la Meditazione Vipassana, che mi ha insegnato a stare con ciò che c’è nel momento e nel presente. Attraverso lo Shiatsu ho sviluppato e approfondito il contatto con un altro, nonché a relazionarmi con le forze micro e macrocosmiche, le energie che permettono la vita. E infine la Biodinamica Craniosacrale mi ha permesso di entrare in relazione diretta con la Fisiologia dei sistemi di cui il nostro corpo è fatto, dai muscoli al sangue, dal sistema nervoso alle ossa, dagli organi alle ghiandole.

Laureato in Architettura, mi occupo da sempre di processi di benessere e di crescita della coscienza finalizzati al recupero della creatività e del potere personale, in senso olistico e non egoistico. Per me è sempre stato importante esplorare come percepiamo, come sentiamo, come pensiamo e come creiamo.

PERCHÈ CITY ZEN?

City ZEN per me è la possibilità di portare il mio strumento di crescita all’interno di una struttura che sembra fatta apposta per proporre nuovi modelli di crescita, di cooperazione e di aiuto.

Sabato 10 Novembre non ci saranno lezioni